Ancora maltrattamenti sui bambini, maestra arrestata a Siena

Sembra quasi una malattia endemica, ma l’atteggiamento violento verso i piccoli frequentanti nidi, asili e scuole materne, da parte di professionisti che invece ne dovrebbero tutelare crescita e incolumità, non si ferma. È di questi giorni la notizia dell’ennesimo arresto di una maestra 52enne di Siena, che gestiva un asilo nido “a domicilio”, per bambini dai 6 mesi a 3 anni di età. Attualmente l’asilo è stato sottoposto a sequestro sia dai carabinieri di Siena che dal nucleo dell’Ispettorato del Lavoro per verificarne legittimità ed eventuali irregolarità amministrative. Le intercettazioni, a seguito delle denunce di due mamme e di una ex collaboratrice, hanno dato esito positivo. Nei video, infatti, si vede la maestra nell’atto di picchiare i bambini di 6 mesi perché “piangevano troppo”, con conseguenti piccoli traumi fisici, poi ancora esercitare una violenta pressione sullo sterno dei piccoli o la chiusura delle narici, per obbligarli ad aprire la bocca quando non volevano mangiare. Senza contare le urla e gli insulti ripetuti. Addirittura, un video mostra l’abbandono, in solitudine, al freddo, sulla terrazza della casa, di una bambina piangente nel suo passeggino. Le grida disperate della piccolina, udibili da tutti, hanno attirato l’attenzione anche di alcuni passanti che hanno allertato le Forze dell’Ordine. Inoltre, durante la perquisizione, è stata trovata una rudimentale fascia elastica che, presumibilmente, serviva ad immobilizzare i bambini “più irrequieti”. Attualmente la donna si trova a domiciliari dopo che il GIP ne ha convalidato l’arresto.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *