Andria (BAT) – Le Fiamme Gialle sequestrano beni per 1 milione di euro, sotto la lente un 49enne andriese

La Guardia di Finanza di Andria, coordinata dalla Procura della Repubblica di Trani, ha eseguito un provvedimento di sequestro preventivo, emesso dal Gip del Tribunale di Trani, finalizzato alla successiva confisca, con l’applicazione della misura ablativa, sull’ingente patrimonio del 49enne andriese, pluripregiudicato, P.G, costituito da immobili e danaro, di dubbia provenienza.L’uomo, indagato per coltivazione, detenzione e spaccio di stupefacenti, era oggetto anche di accertamenti patrimoniali nell’ambito di un procedimento penale pendente presso la Procura di Trani.

Dalle verifiche effettuate, il suo patrimonio costituito da ben 35 terreni, ubicati tra Trani ed Andria, 4 autorimesse, un immobile, un deposito, una cava, 4 autoveicoli fuoriserie, conti correnti ed altre ricchezze, per un valore complessivo pari a 1 milione di euro, non era corrispondente ai redditi dichiarati, risultati in alcuni casi esigui o addirttura assenti.

Inoltre, il 49enne, nel 2018 era stato arrestato due volte perché scoperto a coltivare grossi appezzamenti coltivati a marijuana, con tutta la strumentazione idonea alla essiccazione delle piante. Ora all’uomo, gravato, a partire dagli anni 90, da diversi precedenti penali per reati contro il patrimonio, attività di gestione di rifiuti non autorizzata e spaccio di sostanze stupefacenti, con condanne per reati tributari, violazione delle norme sulla sicurezza del lavoro e per detenzione illecita di armi, è stato notificato il provvedimento che ha disposto il sequestro anticipato dell’intero patrimonio. Sequestro che sarà gestito dall’Amministratore giudiziario, già incaricato dal Tribunale di Trani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *