Canosa, 500 chili di materiale esplodente nascosto in un box, arrestato trentasettenne del posto, gli artificieri bonificano l’intera area

Gli artificieri della Questura di Bari hanno sequestrato 550 kg di materiale pirotecnico, tra cui 250 kg di polvere pirica, nascosto in un box di un capannone situato nella zona industriale del paese. Il locale, una vera e propria officina abusiva priva delle più elementari norme di sicurezza, era in uso al 37enne  Cosimo Damiano Serra per la fabbricazione e la vendita dei fuochi pirotecnici. All’interno del locale, sono stati trovati diversi manuali con i dosaggi dei composti chimici, attivatori elettrici e precursori chimici necessari alla realizzazione della miscela esplosiva. Inoltre, occultate dietro un doppio fondo di pannelli in legno, centinaia di  bombe carta. Le indagini proseguono a tutto tondo per escludere altra illecita destinazione dei prodotti. L’uomo, a cui già in passato erano state revocate la licenza da fuochino e il patentino, è stato arrestato e condotto nelle carceri di Trani con l’accusa di fabbricazione illecita di materiale esplodente. Nel frattempo proseguono i lavori degli artificieri per mettere in sicurezza l’intera area  e garantire l’incolumità pubblica.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *