Chiusura “Mercatone Uno”, 1800 lavoratori senza lavoro, 256 solo in Puglia, per domani un summit con Di Maio

La Shernon Holding Srl fallisce e chiudono i punti vendita di Mercatone Uno in Italia. 1800 lavoratori, di cui 256 sono pugliesi (100 impiegati tra Terlizzi e Bari), hanno saputo del fallimento dell’azienda e della chiusura degli store attraverso un’inaccettabile passa parola. Alla preoccupazione e alla protesta dei dipendenti si sono aggiunte, ora,  anche quelle dei clienti per non aver potuto ritirare la merce acquistata tempo prima. Sulla vicenda sono intervenuti la Cgil Puglia e i ministri Di Maio e Salvini.

«Da ministro del lavoro – fa sapere Luigi Di Maio dalla sua pagina Facebook  – non posso che essere preoccupato per la notizia della chiusura dei punti vendita Mercatone Uno in tutt’Italia a causa del fallimento della Shernon. Non è possibile che 1800 lavoratrici e lavoratori, oggi, in Italia, si ritrovino senza lavoro dal giorno alla notte e siano costretti a scoprirlo da un passa parola tra colleghi. Anche per questo ho deciso di anticipare a lunedì 27 maggio,  il tavolo che servirà prima di tutto a salvaguardare i posti di lavoro dei dipendenti, ma anche a fare chiarezza sulla responsabilità della proprietà nella loro gestione. Su questo – conclude il Ministro –  mi aspetto responsabilità e collaborazione da parte di tutti. Dò quindi appuntamento a tutti al tavolo ministeriale di lunedì».

Anche il Ministro dell’interno Salvini ha voluto fornire alcune precisazioni sull’argomento – «Mi impegnerò personalmente incontrando sindacati, lavoratori, fornitori e proprietà, non si possono lasciare dipendenti a casa senza rispettare gli impegni presi. Anche su questo,  la nuova Europa che nascerà domani, dovrà essere più forte nel difendere il lavoro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *