Formaggio francese St. Marcellin Crémier, allerta “RASFF” per contaminazione Escherichia. A rischio soprattutto i bambini

Oltre 13 casi di sindrome emolitica uremica (HUS) sono stati segnalati, in Francia, dal 21 marzo 2019 ad oggi. La possibile causa, la presenza del batterio Escherichia coli O26 nel formaggio Saint Marcellin Crémier in confezione da 80 g. L’alimento, consumato prevalentemente dai bambini, distribuito in diversi paesi dell’UE, è prodotto dalla “Fromagerie Alpine”. A diramare la notizia, con la nota n.2019.1615, il RASFF, che ha invitato l’Italia e gli altri Paesi dell’Unione Europea, ad effettuare capillari controlli sulla distribuzione territoriale del prodotto. Il formaggio in questione, in vendita anche da Coop –  che precisa di aver già eliminato l’articolo dagli scaffali  –  riporta date di vendita comprese fra il 23 marzo e il 18 maggio, con l’identificativo EN 26.281.001 CE. Ricordiamo che la sindrome emolitica uremica è una pericolosa patologia pediatrica, acuta, caratterizzata dalla comparsa di anemia emolitica, trombocitopenia e insufficienza renale, il cui decorso è grave e in alcuni casi anche mortale. Manifestazioni come sonnolenza, confusione, strabismo, convulsioni, a volte febbre, diarrea (spesso muco-emorragica), vomito, intenso dolore addominale, sonnolenza, fino al coma, sono tutti sintomi da non sottovalutare. Per chi avesse acquistato precedentemente  il prodotto è invitato a non consumarlo e a riportarlo nel punto vendita per ottenerne il dovuto rimborso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *