Gli esperti affermano, “I Papaveri di Hartford appartengono a Van Gogh”

Si tratta di una natura morta con vaso di papaveri che il pittore dipinse in contemporanea ai suoi amatissimi girasoli. L’opera rimasta per trent’anni nei magazzini del Wadsworth Atheneum Museum of Art di Hartford in Connecticut è stata riconosciuta dagli esperti del Van Gogh Museum di Amsterdam appartenente al grande artista. La tela andrà ad aggiungersi all’altra scoperta, una natura morta con frutta e castagne, anche questa dichiarata di recente autentica. Le analisi dei pigmenti, della preparazione, della tela e dello stile hanno confermato la paternità dell’autore. Anche la scoperta di un ritratto maschile, nella parte finale del quadro, costituisce una riprova  del fatto che Van Gogh, per risparmiare danaro, aveva riutilizzato una tela dipinta precedentemente, come aveva fatto per la natura morta con frutta e castagne. I “papaveri” di Van Gogh datano, presumibilmente, inizio estate 1886, periodo della loro fioritura e dell’effettivo arrivo a Parigi del maestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *