Grande affluenza di pubblico e tante aspettative, le conclusioni del convegno di sabato 16 marzo al castello Caracciolo di Cellamare (Ba)

Si è da poco concluso il convegno sul “Grande Parco”, un progetto di riqualificazione ambientale e sviluppo lavorativo. L’ iniziativa, nata da un’idea del dottor Giuseppe Cinquepalmi, cellamarese, medico di base, prevede la realizzazione di un parco che colleghi Cellamare e Capurso. L’interesse del pubblico è stato notevole per l’importanza del tema e per il contributo apportato dai diversi relatori. Non è mancata la parte istituzionale con la presenza di alcuni esponenti del M5S, la senatrice Patty L’ Abbate, il consigliere regionale Mario Conca e la deputata Francesca Galizia, dei sindaci, Michele De Santis (Cellamare), Francesco Crudele (Capurso) e di Francesco Ferraro (Acquarica – LE). Determinante è stata la testimonianza di Francesco Ferraro che ha parlato della sua esperienza di sindaco di due comuni che hanno scelto la via della fusione, auspicandola anche per Cellamare e Capurso. “Una vittoria della democrazia” ha detto, “con molte ricadute favorevoli per il territorio”. L’incontro si è chiuso con le parole del dottor Cinquepalmi, “Ho avuto sempre il desiderio di modificare in meglio il territorio. L’idea del parco viene dal passato ed è politica e culturale insieme. Un’idea che si è man mano rafforzata quando durante i miei viaggi ho notato che quasi tutte le città europee al centro della loro vita sociale hanno un grande spazio verde. Uno spazio utilizzato da tutti e qui parlo da medico visto che molti miei pazienti, anche giovanissimi, sono carenti di vitamina D. La risposta –  conclude – è una sola: stiamo poco all’aria aperta. Pur avendo un clima ideale per stare fuori, rimaniamo sempre più in casa. Questo perché mancano le strutture adeguate e ben organizzate e soprattutto pronte ad accogliere le persone. Il parco, con tutte le ricadute che ne deriverebbero, senz’altro positive, metterebbe finalmente al centro di tutto la persona e il suo benessere».

 

2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *